The 23-member 9/11 Consensus Panel has conducted three rounds of review, during which the Panelists were blind to one another, to produce five new Consensus Points refuting the official evidence of 9/11:

  • Seismic evidence of large underground explosions beneath the Twin Towers
  • Physical and testimonial evidence of explosions beneath the Twin Towers
  • Molten metal running below the Twin Towers’ debris for weeks after 9/11
  • The failure — after 7 years of effort — of the National Institute of Standards and Technology to produce a computer simulation of the collapse of World Trade Center 7 that matched the visual collapse
  • A serious problem in the timeline of the famous “Let’s Roll” call from Flight 93, which was used as a call to war

This brings the total number of Consensus Points to 37.

 

TruthSeekerIn questa trasmissione di 12 minuti su Russia Today, intitolata 9/11 and Operation Gladio, il canale moscovita intervista quattro membri del 9/11 Consensus Panel: il Dr. Daniele Ganser, autore del libro NATO’s Secret Armies, il Dr. Graeme MacQueen, co-editore del Journal of 9/11 Studies, l’ingegnere e ricercatore sull’11/9 Jonathan Cole, ed Elizabeth Woodworth, co-fondatrice con il Dr. David Ray Griffin – ed anche coordinatrice – del 9/11 Consensus Panel.

Russia Today ha mandato in onda la trasmissione ben 5 volte, prima di metterla sul suo sito Web, dove e’ gia’ stata vista da 100 000 persone nelle prime 24 ore.

 

 

911TNPH_dvdIl regista Massimo Mazzucco, membro del 9/11 Consensus Panel, pubblica oggi il suo documentario “11 settembre – La nuova Pearl Harbor“. Questo film educativo di quasi 5 ore ha richiesto 3 anni per essere realizzato. Si divide in 7 capitoli, che riassumono 12 anni di dibattito sull’11/9.

Mazzucco scrive : “Nonostante il film sia indirizzato soprattutto ad un pubblico generico, che sa poco o nulla dell’11 settembre, ci sono anche diverse novità che possono interessare i ricercatori più esperti.” Il film, disponibile anche in formato DVD, sarà messo integralmente in rete in 3 lingue diverse (italiano, inglese e francese).

Un indice del contenuto del documentario e’  disponibile sul sito Web di Massimo Mazzucco per facilitarne l’accesso ai diversi capitoli.

 

BoeingUA93

In caso di dirottamento, i piloti professionisti sono addestrati a digitare (sqwak in inglese) sul loro transponder il codice universale di dirottamento (7500), per avvertire i controllori della Federal Aviation Agency (aviazione civile) a terra.

Per quanto ci vogliano soltanto 2-3 secondi, il fatto che nessuno degli 8 piloti abbia compiuto questa azione obbligatoria mette in serio dubbio la storia dei dirottatori.  Continua a leggere… (in Inglese)

 

Il 9/11 Consensus Panel e’ lieto di accogliere un nuovo membro onorario :

Kassovitz, Mathieu for WebsiteMathieu Kassovitz è un regista francese, sceneggiatore, produttore e attore. Il suo lavoro è ben noto sia in Francia che all’estero. Ha vinto numerosi premi per i suoi film, tra cui miglior regista al Festival di Cannes per La Haine, per cui è stato salutato come l’erede di Truffaut. E’ stato nominato come miglior regista per I fiumi di porpora, che ha vinto anche il Gold Start per la miglior regia. Ha vinto tre premi César per la sua maestria nel cinema. Il suo ultimo film è La ribellione. Kassovitz ha sollevato interrogativi alla televisione francese sull’ 11/9 come complotto US.

Altre informazioni sui membri honorari del 9/11 Consensus qui

 

DulesAirportC’erano più di 300 telecamere di sorveglianza all’aeroporto Dulles di Washington l’11 settembre 2001. Queste telecamere conservavano le immagini per 30 giorni, e sono state minuziosamente passate al vaglio dei tecnici informatici sotto il controllo degli agenti federali. Ma il governo americano non ha rilasciato una sola ripresa datata e stampigliata, né una sola immagine, di queste trecento telecamere di sorveglianza.
Continua a leggere(in Inglese)

 

Consensus Panel PhotoFerdinando Imposimato è un ex-magistrato italiano e presidente onorario della Suprema Corte di Cassazione. E’ stato il giudice istruttore di alcuni importanti casi di terrorismo, come il rapimento e l’assassinio di Aldo Moro, o il tentato assassinio di Papa Giovanni Paolo II. E’ stato anche consulente legale per le Nazioni Unite. Ha dichiarato pubblicamente di ritenere l’undici settembre una operazione sotto falsa bandiera, e propone che il caso venga sottoposto alla Corte Criminale Internazionale, che fu istituita per proteggere le nazioni da atti di guerra criminali. ha anche scritto “La grande menzogna”, “Terrorismo internazionale. La verità nascosta”, “La Repubblica delle stragi impunite”, e “I 55 giorni che hanno cambiato l’Italia. Perché Aldo Moro doveva morire?”, sul caso Moro.

Altre informazioni sui membri honorari del 9/11 Consensus qui

 

BoeingUA93Secondo la caposquadra della società telefonica GTE, Lisa Jefferson, che ha preso la telefonata di Todd Beamer, il telefono e’ rimasto collegato a lungo dopo lo schianto del volo UA 93. “Mai sentito un crash”. Spiegando che dopo che Todd Beamer ebbe pronunciato la famosa frase “Let’s roll” e poi lasciato l’apparecchio telefonico, Lisa Jefferson ha scritto che la linea era “semplicemente rimasta silenziosa”. E benché lei fosse rimasta ad ascoltare per “probabilmente 15 minuti”, ha poi aggiunto : “Non ho spiegazioni. Non abbiamo perso il collegamento, perche se no, utilizzano un suono diverso. C’e’ una specie si strillo stridente quando la linea cade. Non ho mai perso la communicazione, ma è semplicemente diventata silenziosa.”
Read more… (in Inglese)

Telephone handsetNEW YORK, May 16, 2013 /PRNewswire/ — America first learned of the 9/11 hijackings from Solicitor-General Ted Olson, who reported two calls from his wife, well-known CNN commentator Barbara Olson.

From American Airlines Flight 77, Barbara Olson fleshed out the drama of diminutive Muslim hijackers using knives and box-cutters to herd dozens of passengers to the rear of the plane.

These and other reported calls have now been examined by the 9/11 Consensus Panel of scientists, pilots, professors, attorneys, and journalists.

Read more …

Tagged with:
 

Il 9/11 Consensus Panel e’ lieto di accogliere due nuovi membri:

Daniele Ganser, 2012-2Dr. Daniele Ganser, storico svizzero che dirige l’Istituto Svizzero per la Pace e la Ricerca Energetica di Basilea (SIPER). E’ esperto in conflitti globali per il petrolio, guerra mascherata, guerre per le risorse, e strategie economiche. Insegna storia e futuro dei sistemi energetici all’Università di St. Gallen, mentre all’Università di Basilea insegna analisi dei conflitti globali relativi alle guerre per il petrolio.

Jonathan ColeJonathan Cole, ingegnere civile che pratica in Connecticut, Florida e New Hampshire (USA). Laureato nel 1979, ha oltre 28 anni di esperienza in ingegneria civile e direzione delle costruzioni, compresa la progettazione di edifici, ponti, servizi e infrastrutture.

Altre informazioni sui membri del Panel qui

Stephen Lendman News PostElizabeth Woodworth ha fatto una intervista di 30 minuti con Stephen Lendman della PRN sui quattro Punti di Consenso che riguardano le telefonate fatte dagli aerei l’11 di settembre. Le prove più recenti pongono seri dubbi sulla possibilità di collegarsi a terra, sulla durata delle telefonate, e sulle contraddizioni fra le varie testimonianze. Ad esempio, due delle presunte telefonate fatte dai cellulari che sarebbero state fatte da 10.000 m. di altezza hanno lasciato nella segreteria telefonica l’identificativo di chiamata. Questo sarebbe stato impossibile, secondo gli esperti di telefonia cellulare di quel periodo, visto che un collegamento da quelle quote potrebbe durare al massimo qualche secondo, se mai fosse possibile del tutto.

 

Il Consensus Panel è lieto di dare il benvenuto al Sig. James W. Douglass come membro onorario.

Jim Douglass sized for consensus911James W. Douglass, teologo cristiano e attivista pacifista, ha scritto diversi libri, fra cui “JFK and the Unspeakable” e “Gandhi and the Unspeakable”. Ha praticato disobbedienza civile contro la guerra del Vietnam, gli armamenti nucleari e la guerra in Iraq. Insieme alla moglie Shelley è cofondatore del “Ground Zero Center for Nonviolent Action” di Poulsbo, Washington, a del “Mary’s House”, un centro di assistenza per i lavoratori cattolici a Birmingham in Alabama.
Il suo libro “JFK and the Unspeakable” è stato definito da Oliver Stone “il miglior resoconto che io abbia mai letto su questa tragedia e sul suo significato”.
Altre informazioni sui membri onorari qui.

NXSMAG085L’edizione marzo-aprile 2013 della rivista francese Nexus contiene un articolo di 12 pagine che riassume i 28 punti di consenso definiti fino ad oggi dal Consensus Panel. L’articolo include informazioni sul crollo dell’edificio sette, e un sondaggio nazionale organizzato dall’associazione francese ReOpen911 per il 10º anniversario del degli eventi.
L’articolo, scritto dal giornalista Kim-Anh Lim, è intitolato “11/9, une affaire classée?” (“11/9: un caso chiuso?”).
Nexus è venduto in edicola in tutta la Francia, e ha diversi centri di informazione in tutto il mondo. L’articolo sarà probabilmente disponibile in rete quando uscirà in edicola la nuova edizione della rivista. Per avere una copia della rivista potete scrivere a abonnement@nexus.fr.
Il dossier di 12 paggine (in francese) puo essere caricato qui

Tagged with: